Le domande sul vino: come scegli il vino nel 2020?

Inauguriamo oggi la rubrica "le domande sul vino" che raccoglie testimonianze da parte di opinion leader, influencer  e cantine sul mondo del vino .

 

Si tratta domande che ci hanno posto i nostri clienti, uguali per tutti, a cui rispondere  in modo istintivo e in poche righe.

Tutte le risposte saranno poi pubblicate qui e sui social

Ogni post è soggetto quindi a modifiche nel tempo per integrare le risposte che riceviamo. 

Sotto trovi i nostri consigli su come scegliere il vino al ristorante, tratto dal nostro blog.

LE DOMANDE SUL VINO: COME SCEGLI IL VINO?

PREMESSE

Il mercato del vino in ITALIA 

I dati sul mercato in Italia sono vari e hanno diverse lenti di lettura.

Facendo una estrema sintesi:

  • la domanda di vino è sostanzialmente ferma: si beve di meno ma si amplia la platea di chi apprezza il vino
  • bevono più gli uomini delle donne, anche se queste ultime lo fanno in maniera più responsabile, ma anche più professionale
  • si beve più vino rosso 
  • I ragazzi si stanno avvicinando al vino, ma la maggiore penetrazione si nota nella fascia dai 60 ai 64 anni
  • l'offerta è in netta crescita in termini di varietà e referenze.
Riporto sotto un pò di dati per chi vuole approfondire

In questo contesto il consumatore è sempre più spaesato e ha difficoltà a scegliere.

Da qui nasce l'esigenza di capire come scegliere il vino.

LA DOMANDA

 

Come scegli il vino che compri?

O quello che ordini al ristorante?

Quali sono i fattori predominanti da cui non prescindi per la scelta?

LE RISPOSTE

Io Bevo Tanto

🍷Il mio libro sul Barolo - Link in Bio🍷
🇮🇹Tutto quello che bevo, una foto alla volta🇮🇹
#iobevotanto
Recensioni di vino🍾🍷 e visite in Cantina.instabio.cc/IoBevoTanto
"Lo scelgo in base a vari fattori: ripeto un acquisto fortunato, compro una bottiglia di una cantina che apprezzo, seguo i consigli di amici, compro in cantina in base alle sensazioni provate, a volte compro a caso!"

Elena Federica Di Ciolo

🏅Campionessa mondiale di tuffi, in nuove imprese
💆🏼‍♀️🍷 Psychology Student & AisSommelier
🔵Ambassador @paolonenci
🖋 Writer on @winesommelier.it ⤵️⤵️winesommelier.it/vi-presento-paolo-nenci-il-contadino-digitale
"Il vino per casa lo scelgo in base a zone che voglio approfondire o piatti che intendo cucinare, magari chiedo consiglio a qualche amico più esperto di me di quella tipologia. Cerco di provare sempre cose nuove e differenti per aumentare la mia cultura.
Al ristorante vado molto in base ai piatti che ho ordinato e solitamente scelgo da sola a meno che non conosca bene il sommelier e a quel punto mi faccio consigliare"

Aurora Favuzza Sommelier

Blog personaleWineblogger 🍾
📍#verona #italy
🍷#winelover #wine #sommelier @aisofficial_ita
Racconto emozioni🥂
Se ami cibo 🍲🍰 e viaggi ✈️ seguimi su @aurorafavuzza
winesuperlover.com
"Io scelgo il vino durante le mie visite alle aziende vitivinicole. Compro forse 1 bottiglia all’anno in enoteca/supermercato o simili
Al ristorante scelgo sulla base dello stile, prediligendo vini naturali e poi zone vitivinicole che conosco poco"
"Da sommelier professionista il vino lo compro in base a ciò che mangio ... sto attento all’abbinamento e ovviamente come dicevo nella risposta precedente cerco di valorizzare le piccole realtà ( aziende) dall’ottimo rapporto qualità prezzo"

Winetelling 🍾🍇🍷


Wine lover🍷❤️
Sommelier🍾
Tasting events🥂
Wineries partnerships🗣️
@spolertwinery
@birrificio620
Venezia, Italy 📍 🇮🇹www.winetelling.it

"Personalmente dipende da dove vado capendo il target dei vini che trovo e dal personale a cui mi piace affidarmi per dei consigli!"

 

Valentina - The Winey Soul🥂

🥂 Wine, smile, travel: possibly, all at the same time
👩‍🎓 DipWSET Student
👩🏻‍💻 Wine Communication&Hospitality
🗺 Based in Desenzano d/G
biancovino.com/2019/07/24/quattro-passi-a-vicenza-tour
"Avendo la fortuna di avere un po’ di esperienza e conoscenza enoiche, la scelta si basa principalmente sul vitigno e sulla regione di produzione: tendo a scegliere cose che conosco meno per ampliare il mio palato e la memoria olfattiva. Questo vale anche al ristorante, dove però valuto ovviamente l’abbinamento con il cibo che ho ordinato.

Daniele Zaccara

Sommelier AIS
Wine Lover ❤️🍷
Based in Luni(SP)
vinocolo20@gmail.com 
"lo scelgo innanzitutto in base alla regione e al suo uvaggio che conosco meno, perché avendo una conoscenza ancora limitata mi piace scoprire cose nuove questo succede pure al ristorante se la carta dei vini è fatta bene."

WinePit

Enologo 🍷
Ti spiego come si fa il vino e come orientarti tra milioni di etichette bevendo consapevolmente

winepit.org/la-fermentazione-alcolica-seconda-parte

"Il vino lo scelgo in base a consigli di amici, familiari e in base a ciò che leggo/vedo su blog/pagine Instagram legate al mondo del vino. Capita anche che mi faccia consigliare in enoteca o al ristorante. Al supermercato compro invece leggendo l'etichetta e comparando ciò che leggo al prezzo."

Francesca Lisa Canu

▪️ Sommelier AIS🍷
▪️Agricultural Expert 🌱
▪️ Equestrian girl 🏇
🔜 Bartender EBS
♥️ Sardinia 🏝️

"Riguardo alla scelta del vino, per uso personale scelgo in base alla mia curiosità o ai miei gusti personali. Per il ristorante inevitabile scelgo in base ai piatti che la cucina propone cercando soluzioni che siano il più apprezzabili possibili dai clienti."

 

Valentina Cozmuta

🆂🅾🅼🅼🅴🅻🅸🅴🆁 AIS🍷(tra le altre cose)
❥ BEVI bene ❥ RIDI spesso ❥ AMA molto
📍 Calabria - Cosenza
🍇WINE lover 🌝LIFE lover 🍲FOOD loverwww.facebook.com/valentina.cozmuta
"La mia scelta del vino sposa due concetti base, soggettivo e oggettivo. In primis mi concentro sulla tipologia di vino che più incontra il mio gusto( bianco, rosso, spumante, ecc.) per poi considerare il fattore territorio (in Puglia berrei probabilmente un Primitivo) e il fattore prezzo.
 

Alberto Wine Lover

Wine Blogger Influencer🍷 #wine #winelover #winelovers #vino #instawine #vinho #vininaturali #metodoclassico #winemaker #winetasting #sommelierwww.albertowinelover.it

Un fattore predominante è la qualità, ormai conosco molte aziende quindi so cosa scegliere. La mia scelta in genere è motivata da diversi fattori cui l’abbinamento ma spesso anche dal l’occasione o dalla compagnia

Wine Discover


We taste wine and give you an easy way to order it online...you just have to fill the glass 😉
Info@winediscover.itwinediscover.it

L’offerta è incredibilmente in crescita, e da un lato è un grande valore aggiunto, perché si scoprono nuovi prodotti interessanti e che meritano di essere scoperti; per contro, il consumatore va in tilt, ed è inevitabile...
Noi di Wine Discover cerchiamo di valorizzare i vini del territorio, il “terroir”...che quasi sempre non delude le aspettative. In aggiunta, al di là delle aziende che hanno fatto grande il vino italiano, che sono praticamente una certezza, amiamo i piccoli produttori che sanno produrre vini DOC e DOCG fantastici...e strizziamo l’occhio ai vini biologici e biodinamici.

Carla Benvenuto • 🅳🅴🅲🅰🅽🆃🅰🅽🅳🅾


Born in 1988🎂
Winelover🍷 Foodlover 🍝
Reviews & Moments 🍇📸📝
Sommelier Student @fisar.roma 📚
Degree: Communication,Marketing & Social Media👩🏻‍🎓
Rome🇮🇹shop.torricantine.it/blog/cantina-biologica-torri-cantine

Per quanto riguarda la scelta del vino io mi baso su diversi fattori. Primo fra tutti la curiosità: se c’è qualcosa che voglio provare, degustare, assaggiare, magari confrontare con altri prodotti, o farci un abbinamento particolare. Poi cerco di documentarmi sulla cantina che produce il vino che voglio prendere, e mi baso su aziende che non hanno grosse produzioni, ma mi piace scoprire chicche di piccole realtà e premiare queste. Magari chiedendo anche consiglio ad amici o chi ne sa più di me. Poi mi spinge anche il gusto personale, sopratutto al ristorante. Spulcio la carta vado su ciò che conosco, mi piace, e magari si abbina bene a ciò che ho preso. Comunque cerco di fare sempre scelte pensate e consapevoli, mai a caso o d’istinto. E mi piace quando posso sempre prendere il vino direttamente in cantina, dopo aver visitato un’Azienda.

RISULTATI

Nel raccogliere i risultati di questa piccola analisi di mercato abbiamo notato delle tendenze di massima che confermano alcuni trend del settore. Coloro che abbiamo coinvolto, che ringraziamo, scelgono in base a:

  • territorio
  • consigli di amici o esperti
  • scoperta e novità
  • cibo in abbinamento
  • qualità

E tu come scegli il vino?

APPROFONDIMENTI SUI DATI DI MERCATO

Si beve meno – il 26% di volumi ridotti rispetto a vent’anni fa - ma lo fanno praticamente tutti e in modo più responsabile: la media è di 2-4 bicchieri a settimana, consumati soprattutto in casa (67%) in particolare dai baby boomers (55-73 anni, al 93%), ma è rilevante la quota di tutte le generazioni, con i millennials (18-38 anni) che evidenziano già un tasso di penetrazione pari all’84%. Dato in aumento sia a casa che nel fuori casa. Si beve meno, dunque, ma il mercato del vino tiene e produce un valore al consumo che, secondo l’analisi, è stimato dall'Osservatorio in 14,3 miliardi di euro (dato 2018)
CHE COSA BEVONO GLI ITALIANI. L’indagine condotta dall’ L’Osservatorio Vinitaly – Nomisma Wine Monitor delinea il comportamento degli italiani: il vino rosso rimane il favorito in tavola, ma altri prodotti si fanno spazio a seconda dell’area, delle abitudini al consumo e dell’occasione.
Chi beve rosso lo fa nella metà dei casi almeno 2-3 volte la settimana, mentre per altri tipi di vino il consumo è più episodico, in particolare nel fuori casa. Nelle città metropolitane, dove il tasso di penetrazione è uguale o leggermente superiore alla media italiana (91% a Napoli contro 88% in Italia) e si abbassa l’età media dei consumatori, Roma beve molto più vino bianco rispetto alla media italiana (25% vs 18%) mentre a Napoli i rossi dominano nelle preferenze e a Milano lo spumante presenta punte di consumo ben superiori alla media, come pure i rosati nei capoluoghi meneghino e partenopeo.

I giovani si riaffacciano al vino. Sembra essere questo il messaggio, anche per il 2019, del rapporto ISTAT sul consumo di vino in Italia. Nel 2019 la porzione dei 18-19enni che ha almeno una volta bevuto vino è cresciuta al suo massimo storico, il 37% della coorte, mentre è scesa la penetrazione dei 16-17enni, dal 19% al 17% (ma su una serie storica molto più volatile). Siamo sul massimo storico anche per i 20-24enni (49%) mentre tengono le posizioni del 2018 tutte le altre categorie. Il post contiene anche il “taglio” regionale dei dati, dove si rileva il forte progresso della penetrazione di consumo nelle isole (Sicilia e Sardegna) e dati molto positivi anche per Piemonte e Lombardia, tra le regioni importanti. La regione italiana dove ci sono più bevitori in rapporto alla popolazione? L’Emilia-Romagna, con il 61%, mentre resta in fondo alla lista (pur migliorando) la Sicilia con il 45%. 

penetrazione consumo di vino per regione

Come si sceglie il vino al ristorante? dal nostro blog

Non amo i ristoranti finti. A Milano c'è ne sono una serie per lo più legati al pesce. Sai quelli dove hai i rivestimenti delle sedie e l'aria condizionata forte, e il cameriere non sa cosa ti sta servendo.
Però c'è Zenzero, il nostro jack Russell. Con lui facciamo amicizia sempre con i tavoli attigui.Una sera conosciamo due turisti canadesi. Ordinano un vino rosso di Urbino e pesce crudo.
Cominciamo a parlare di vino e lei mi chiede "quale è il migliore vino italiano, quello che devo bere prima di partire?
Domanda difficile.
Aggiunge.. mi piace solo il vino rosso.
Le chiedo se le piace il caffè e come lo beve, se le piace il limone, il cioccolato e i frutti di bosco.
Mi risponde che beve caffè zuccherato, ama il cioccolato fondente e i frutti di bosco, non il limone.
Per me deve provare un Barolo Monvigliero, Le dico.
Così mi sono chiesto: già, ma come si ordina il vino al ristorante?
Per me è un rito propiziatorio. Il menù lo guardo di fretta e scelgo. Mentre la lista dei vini la studio.
Ho cercato alcuni spunti e li voglio condividere. Ditemi cosa ne pensate.
  1.  Prima ordina il cibo. Sembra banale, ma vedo clienti che ordinano il vino prima delle pietanze. Spesso l'errore lo fa lo stesso cameriere, che ti chiede subito che vino vuoi. La mia risposta è ferma "dipende da cosa mangio".Qui alcune nozioni di abbinamento sono fondamentali, ma sii creativo non ti fermare alle solite cose. Prova una bolla a tutto pasto, un rosso freddo o con il pesce. Sperimentare e divertirsi queste sono le parole d'ordine.
  2. Se c'è un sommelier, non essere timido. Fatti spiegare le alternative e scegli insieme a lui. Cerca di spiegare a fondo cosa vorresti tu e i tuoi commensali.
  3. Bicchiere o bottiglia? Se non sei solo, scegli certamente la bottiglia, in modo da avere una maggiore scelta di vini (i vini al bicchiere sono solo una piccola parte della cantina) e da spendere proporzionalmente meno.
  4. Livello di prezzo Non sempre la bottiglia con il prezzo superiore é la migliore. Inoltre spesso i ristoranti applicano margini maggiori sulle bottiglie entry level. Quindi Scegli intorno al quarto o quinto prezzo, dal più basso. Avrai la sicurezza di non pagare troppo e avere una qualità medio alta.
  5. Accompagnamento e salita Il vino ti accompagna per tutto il pasto. Comincia piano, come in montagna e sali. Sali di grado, di struttura, ma sempre in modo armonioso rispetto alle pietanze che hai ordinato. Goditi il momento di ogni singolo passaggio e cambia bicchiere.
  6. Condividi dopo la scelta A mio parere il vino lo sceglie un solo commensale per tutto il pasto. Non per egocentrismo, piuttosto per creare un percorso. Un po' come in Cina, dove il cibo è anche una medicina e colui che ordina, uno solo appunto, cerca la migliore via per fare stare bene i commensali, i quali durante e dopo la cena manifestano il loro gradimento, non tanto sul cibo, ma sulla scelta e sull'ordine in cui sono stati presentati. Quindi scegliete o fate scegliere e poi coinvolgete i vostri commensali nella degustazione.
  7. Il vitigno non è una garanzia Non amo i giudizi definitivi. Non mi piace il vino giovane, non mi piace il vino dolce, non amo i vini del sud Italia... Questo spesso sento dire. Spesso alcune liste di vini non segnalano nemmeno il produttore e quindi è evidente che è necessario scegliere in base al vitigno, Io scelgo sempre vini e vitigni locali.
Per concludere gustatevi la scelta, sperimentate, scegliete o fate scegliere ai commensali. In questo modo sarete sicuri di stupirvi. A volte va bene e a volte va male. Ma a tutti capita di scegliere il vino sbagliato.
E tu come scegli il vino al ristorante?

Post precedente Post più recente

Related Posts

Le domande sul vino: come sarà il vino del futuro? I Trend del 2020
Le domande sul vino: come sarà il vino del futuro? I Trend del 2020
LE DOMANDE SUL VINO: COME SARA' IL VINO DEL FUTURO? QUALI SONO I TREND PER IL 2020?   PREMESSE Anche nel mondo del vi...
Read More
Come si sceglie il vino al ristorante?
Come si sceglie il vino al ristorante?
Come si sceglie il vino al ristorante? Non amo i ristoranti finti. A Milano c'è ne sono una serie per lo più legati...
Read More
Quale è la carbon footprint di una bottiglia di vino? Il nostro vino fa pochi chilometri
Quale è la carbon footprint di una bottiglia di vino? Il nostro vino fa pochi chilometri
Certo che non sarà certo la nostra buona bottiglia di vino a cambiare il pianeta; ma da qualche parte bisogna pure co...
Read More
lascia un commento

Please note, comments must be approved before they are published