Viaggi - Le Langhe: Verduno Barbaresco

Viaggiare è tra i nostri grandi piaceri e lo abbiamo sempre alla ricerca di nuovi vitigni e cantine.

Noi siamo partiti da Verduno dove abbiamo dormito, pranzato e cenato.

Verduno è un comune di 550 abitanti ed è fu costruito dai Cajssotti alla fine della prima metà del Settecento su disegno di Juvarra. Nel corso dell’Ottocento divenne proprietà del re Carlo Alberto di Savoia che oltre a servirsene per la villeggiatura, vi impiantò una cantina per la produzione del Barolo, guidata dal celebre enologo Staglieno. 

Per l'alloggio siamo stati al Bed & breakfast Locanda Dell' Orso Bevitore: davvero bello e una cucina sublime. La prima sera siamo stati accompagnati da un duo di musica soul bravissimi.

Per pranzo siamo stati a Casa Ciabotto che ci è piaciuta e dove abbiamo raccolto preziosi consigli sul Verduno Pelaverga un vitigno autoctono che ci è piaciuto moltissimo.

Siamo parte meridionale del Piemonte, a ridosso delle Alpi Marittime e dell’Appennino Ligure, le Langhe sono un grande anfiteatro di colline, attraversate dal Tanaro, un fiume dal percorso irregolare che separa due territori e ne traccia una chiara divisione geologica.

Alla destra del fiume c’è la Langa, la terra più antica, alla sua sinistra il Roero. A contorno del confine meridionale e occidentale si ergono le montagne che difendono queste colline dal clima mediterraneo.

Sul versante destro del Tanaro, ci dirigiamo verso la zona del Barbaresco che è situata a Sud-Est della città di Alba.

La zona è piccola, tre paesi (Barbaresco, Neive e Treiso) e la frazione di San Rocco Seno d’Elvio del comune di Alba.

L’altitudine è quella ideale per la coltivazione della vite, tra i 150 ed i 450 metri sul livello mare, con la prevalenza della fascia tra 250 e 400 metri per il Nebbiolo.

Una nota caratteristica sono le nebbie, frequenti sul versante Ovest della zona, là dove è più forte l’influenza del fiume Tanaro.

Se ci pensate l'Italia del vino è divisa in due: Il Nebbiolo a nord e il Sangiovese a sud. Sono diversi i terreni, le vigne (una bassa e una alta), le modalità di coltivazione (guyot e cordone) eppure sono entrambe le bandiere del nostro made in italy del vino rosso nel mondo.

Le cantina che ci sono piaciute.

VEDI LA CANTINA DI DIEGO MORRA

 

 

 

 

 


Post precedente Post più recente

Related Posts

Ruche’, Ruche’ e ancora Ruche’
Ruche’, Ruche’ e ancora Ruche’
Castagnole Monferrato cielo grigio a sprazzi soleggiato che da vita ad un paesaggio mozzafiato. Il paese è vuoto e’ l...
Read More
Ruché Barbera e cibo Piemontese
Ruché Barbera e cibo Piemontese
Week end ricco.di appuntamenti sul vino. I nostri spice ambassador saranno in giro per la provincia di Asti.   Festa ...
Read More
I Vitigni autoctoni: LA FAVORITA
I Vitigni autoctoni: LA FAVORITA
Cominciamo oggi un percorso dedicato ai vitigni autoctoni delle nostre tre regioni. Ho scoperto vini fantastici che n...
Read More
lascia un commento

Please note, comments must be approved before they are published